Cosa facciamo

Gli spettacoli proposti, si inseriscono in un programma di recupero della più autentica immagine della “mediterraneità”, che rifugge dalle sclerotiche iconografie, per esprimere la tradizione che muta e si rinnova, pur mantenendo coerenza stilistica ed estetica.

Il contenuto può essere considerato come il risultato di un percorso artistico in generale, e musicale in particolare, caratterizzato da una costante ricerca che si sviluppa in due diverse direzioni: la musica antica e la musica etnico – popolare indoeuropea, con particolare riferimento all’area del mediterraneo, ma con sporadiche divagazioni dal tenue sapore celtico o talvolta pervase da elementi che riportano ad atmosfere più austeramente gotiche.

Al contempo vi si può intravedere il tentativo di coniugare tradizione ed innovazione, nel senso di ricerca di nuove sonorità e combinazioni timbrico – ritmico – melodiche che si innestano in forme e strutture che riportano a canoni stilistici consueti, tipici di grandi tradizioni compositive del passato.

A tutto ciò, infine, dobbiamo necessariamente aggiungere un altro ingrediente: la ricchezza derivante soprattutto dagli incontri, dal continuo confronto con altri artisti che ha generato un proficuo lavoro di scambio e dall’esperienza maturata in tutti questi anni di viaggi ed esibizioni oltre che in Italia ed in Europa, anche nei più remoti posti del mondo.

Spettacolo itinerante

Sono da escludere tassativamente partecipazioni a cortei e sfilate di vario tipo o simili!

Lo spettacolo itinerante si svolge in modo interattivo col pubblico. Si tratta di un susseguirsi di musiche strumentali e canti che viene intramezzato con odi e sonetti.

La durata è variabile e può essere stabilita previo accordo tra le parti.

Spettacolo stanziale

Suoni a volte aspri, in altri momenti dolci, gioiosi, a tratti percussivi e incalzanti, in altri contesti accompagnano con briosa semplicità ora sonetti ora filastrocche della tradizione popolare e che fanno da preludio alle suggestive ballate rievocatrici e alle danze popolari inedite.

E’ preferibile che lo spettacolo si svolga a stretto contatto col pubblico, evitando magari palcoscenici troppo elevati o distanti dagli spettatori.

Si consiglia l’utilizzo di un service audio+luci nel caso la location dello spettacolo fosse all’aperto, oppure troppo grande e/o dispersiva acusticamente (vedi sezione scheda tecnica/stage plan).

Lascia un Commento